Gianfranco Fini lancia “Generazione Italia” Pasquale Fabozzi commenta

“Garanzia di libertà” ..con l’obiettivo di aggregare buone idee per avere una “buona politica”. Una trovata geniale, ma queste idee poi vengono Pasquale F..jpgapplicate? Sono anni che si parla di idee di giovani e tante altre belle parole, ma nei fatti fotografando l’Italia allo stato attuale si evidenzia chiaramente il forte disagio dei giovani soprattutto i giovani laureati e neo-laureati Italiani che non hanno nessuna prospettiva futura e che dopo tanti anni di studio si trovano smarriti in un sistema in cui c’è spazio per pochissimi e a condizioni non commisurate agli studi effettivamente effettuati negli anni. La prima cosa che va riformata in Italia è L’Università che “non serve a nulla”. La maggior parte dei corsi Universitari sono dei nomi inventati per dare la cattedra ai professori ed alla fine si formano figure professionali che non servono a nessuno. L’università dovrebbe già formare per il lavoro, dovrebbe già sfornare persone capaci di saper fare qualcosa che servano al mercato ed alla società, invece attualmente è solo un sistema per tenere a bada i giovani creando nella loro mente illusioni di un futuro utopico, un futuro che non esiste…”svuotando allo stesso tempo le tasce dei genitori”.

Si è proprio vero serve un rinnovato impegno, come spiega Finii per “migliorare” il nostro Paese, per imporre il valore del merito “come unico metro e strumento di valutazione dei giovani”, ma più che pensare solo a come valutare i giovani e quale metro adottare bisogna pensare soprattutto a formare per bene i giovani (perchè attualmente solo chi “caccia i soldi” pagando master ed altro può permettersi di formarsi in modo più appropriato). Ciò servirebbe effettivamente a rafforzare il concetto di legalità…

Secondo Gianfranco Fini servono idee innovative e mi auguro che venga accolta ogni idea e non solo quelle che definisco “idee di comodo” affinchè queste idee consentano di “sostenere famiglie e imprese” nel vero senso della parola e ovviamente anche per sostenere e migliorare l’azione del Governo.

logo PoE.jpgFini ha cocluso dicendo: “Noi ce la mettiamo tutta. Contiamo anche sul vostro aiuto”.  Questo è il mio aiuto!!!
Cordialità Poesia Economia

 

Il commento di P. Fabozzi su: http://www.generazioneitalia.it/2010/05/03/gianfranco-fini-lancia-i-circoli-di-generazione-italia/#comments

Gianfranco Fini lancia “Generazione Italia” Pasquale Fabozzi commentaultima modifica: 2010-05-04T21:28:00+00:00da poesia-economia
Reposta per primo quest’articolo

7 pensieri su “Gianfranco Fini lancia “Generazione Italia” Pasquale Fabozzi commenta

  1. Sono d’accordo con il suo commento e mi dispiace che Fini di certo non risponderà mai a nessuno dei commenti lasciati sul sito “generazione italia” per cui anche il suo commento non serve a nulla. Insomma se Lei sol suo commento ha inteso tentare una manovra volta a sensibilizzare qualcuno, allora ha fatto di certo un buco nell’acqua. Sa perchè? Perchè questi si fregano di tutto e di tutti ed i giovani laureati continueranno ancora a lungo a essere emarginati senza nessuno considerazione. Questa è la cruda realtà. In Italia va avanti il figlio del ministro, del notaio, dell’avvocato, del commercialista del professore universitario, dell’imprenditore del medico, dell’architetto…L’italia è un paese dove il lavoro si tramanda ancora di padre in figlio… Esempio lampante è il figlio di Bossi” ah.. lasciami stare che è meglio.. Saluti allo Staff e continuate così perchè trovo i vostri articoli leggermente polemici ma molto interessanti

  2. Non sono sicuro che la collocazione di questo nuovo progetto possa essere all’interno di un “partito” dove la forza delle idee e dell’innovazione sono lasciate ad una classe politica figlia di Publitalia ‘80…idee ed innovazione non possono essere scambiate con un approccio al target group di bravi markettari.

  3. In questo momento storico, serve, per il nostro paese, una politica seria, sana e piena di valori e che sappia guardare al futuro. Noi giovani non aspettiamo altro, quello di essere coinvolti, vogliamo vivere con serenità, avere un lavoro, costruire una famiglia, contribuire a mandare avanti questo paese con passione, orgoglio e coraggio.

  4. Pasquale condivido pienamente il tuo acceso commento e mi auguro che lo stesso goda di un vasto consenso. Certe cose vanno dette e tu sei uno di quelli che ha il coraggio di parlare e di denunciare ciò che è obsoleto, ossia un sistema Italia che fa pena, un sistema universitario fatto di baronie e raccomandazioni e privo di effettivi sbocchi occupazionali. Un caro saluto a questo simpatico Staff di Poesia Economia.

    Continuate così.!!!!!

Lascia un commento